Nel lontano 1800 il Dott. Giovanni Perini, allora sindaco di Borca di Cadore in prossimità di Cortina, con i fratelli l´ingegnere Aristide e l´avvocato Giuliano, procede all’acquisto di alcune decine di ettari nelle colline di Conegliano, Valdobbiadene e nella pianura trevigiana, e all’acquisto della splendida Villa Veneta di origini Settecentesche.
In seguito, Ernesto, figlio di Giovanni Perini, riceve i terreni delle colline di Conegliano Valdobbiadene e si dedica in primis alla lavorazione della seta. Parallelamente la famiglia inizia la produzione (anche per uso domestico) e distribuzione di vino che in origine veniva messo in grossi botti di rovere nel magazzino dell´attuale barchessa.
Tra gli anni sessanta e settanta Ernesto Perini grazie all’aiuto del figlio Giovanni e della moglie Bernadette Dorigo procede all’estirpazione e sostituzione dei vecchi vigneti con nuovi impianti (in gran parte Prosecco) dando vita alla Azienda Agricola Giovanni Perini.
Agli inizi degli anni settanta il Prosecco viene prodotto con il metodo del “Surlì” ossia facendolo fermentare in bottiglia. Il grande successo del vino fa capire a Giovanni e alla moglie Bernadette la grande potenzialità del vitigno Prosecco che valorizza la tradizione esaltando il territorio. Alcuni anni più tardi avviene l’acquisto, tra i primi nella zona, della moderna tecnologia del metodo “Charmat”, quindi impianto di pigiatura, autoclavi per la fermentazione carbonica e impianto di imbottigliamento.
Un grande contributo di crescita dell’azienda è dato dall’inserimento dei figli Paola ed Alberto. Successivamente e´ proprio Alberto che, vista l’evoluzione del mercato e della distribuzione, porta l’azienda ad affrontare e quindi distribuire il Prosecco DOCG di Conegliano Valdobbiadene in numerosi paesi esteri.
Di recente la famiglia Perini ha deciso di rinnovare tutta la filiera produttiva con l’acquisto di modernissima tecnologia di cui un nuovo impianto di pigiatura ed imbottigliamento che permetteranno alla già ottima produzione di arrivare a punte di eccellenza collocando la San Giovanni tra le più prestigiose realtà di Conegliano Valdobbiadene.



In the far 1800 Mr. Giovanni Perini – mayor of Borca di Cadore near Cortina – and his brothers the engineer Aristide and the lawyer Giuliano, bought some hectares of land on the hills of Conegliano, Valdobbiadene and in the land of Treviso. They also bought the beautiful Villa Veneta of the XVIII century.
Later, Ernesto, son of Giovanni Perini, received the lands of the hills of Conegliano, Valdobbiadene and started manufacturing the silk. At the same time the family began to produce and distribute (also for private use) wine which in origin was put in big oak barrels in the warehouse of the actual barchessa.
Between the sixties and seventies Ernesto Perini thanks to the help of the son Giovanni and of his wife Bernadette Dorigo pulled up the old vineyards and substituted them with new ones (mostly Prosecco) giving life to the Azienda Agricola Giovanni Perini.
At the beginning of the seventies Prosecco was produced with the method “Surli” or bottle fermentation. Thanks to the great success of the wine, Giovanni and his wife Bernadette understood the potentialities of Prosecco which exalts the tradition and the land. Some years later took place the purchase of the modern technology of the method “Charmat” – among the first in the area. This consists of a crusher, tanks for alcoholic fermentation and a bottling system.
A great contribution to the growth of the winery was given by the entrance of the daughter Paola and the son Alberto. Lately was Alberto who evaluated the evolution and distribution of the market brought the winery to face and distribute the Prosecco DOCG of Conegliano Valdobbiadene in many foreign countries.
Recently Perini family has decided to renew the whole production chain with the purchase of a new crusher and bottling system. This very modern technology will enable the production to reach excellent levels placing San Giovanni among the most prestigious situations of Conegliano Valdobbiadene.